16 Nov 2018

Emiliana Doc, nata a Carpi (MO) , ha trascorso i suoi primi 30 anni a Novi di Modena, paese dove ha vissuto la propria infanzia e adolescenza, segnata già' da una buona attitudine verso le materie artistiche.
Dal carattere esuberante, vivace, estroverso, fantasioso e creativo ma nel contempo pure timido e schivo, dopo le primarie sceglie di intraprendere un percorso scolastico inerente al settore moda: stilista e modellista, per poi
aprire un proprio studio per la realizzazione di stampe per tessuti fino alla realizzazione della produzione sia industriale che dipinta a mano su tessuto e pure sui capi di abbigliamento, in un secondo momento apre una ditta di abbigliamento per bambini ,
dove cura e realizza le proprie collezioni dal campionario al capo finito. Attitudine per la moda e per il bello e che tuttora l'accompagna nel mondo del lavoro, come commerciante di abbigliamento da donna.
Residente a Spilamberto (MO), dove vive con il marito e figlio, amante degli animali e della natura, dopo diversi anni di pausa, sente l'esigenza di riprendere in mano matite e pennelli, sua latente passione,
con la voglia di rimettersi in gioco con maturità ed ecletticità' e con l'ausilio di vari corsi d'arte per migliorare ed affinare le proprie conoscenze sulle varie tecniche artistiche.
L'acquerello è stato il primo approccio per riprendere confidenza con il mondo dell'arte e le ha permesso di dare vita a opere di una delicatezza unica e nello stesso tempo di uno spessore davvero incisivo.
La curiosità' e la voglia di trovare nuovi stimoli, spingono Anna Carla a sperimentare diverse tecniche, con la precisione e la ricercatezza della professionista insita in lei.
Dalla biro alla grafite, ai pastelli e varie tecniche miste, fino ai giorni nostri, dove l'olio le ha preso la mano, tecnica che sta ancora sviluppando e sperimentando con il continuo studio, alla ricerca di un proprio stile.
Pur non ispirandosi a nessun artista del passato in particolare, adora Dalì e Magritte e non disdegna Andy Warhol.
L'arte figurativa è certamente un modo di espressione adatto al suo temperamento ma non disdegna gli astratti per gli impeti le piace dipingere di getto, ma ama anche la rilassata contemplazione per l'esecuzione di
un soggetto iperrealistico.
Si definisce un artista autodidatta (anche se la parola artista nn le aggrada tanto), che porta avanti un suo percorso più che altro per passione, senza grandi ambizioni né velleità , ma con tenacia e determinazione,
studio e lavoro per una crescita personale costruttiva mirata alla riuscita e al completamento di se stessa, sfruttando la sua ecletticità e la voglia di rinnovarsi, e perché no...pure come terapia salutare....Dipingere o
disegnare è come fare meditazione si va in luoghi lontani e si è in pace con sé stessi.
E' un hobby, tuttavia c'è la volontà e la voglia di riuscire a trovare uno stile personale. Nelle sue opere c'è la capacità di trasmettere emozioni con espressioni estetiche e interiori dal suo stato d'animo.

Dal 2013 ha preso parte a diverse mostre collettive d'arte nel proprio territorio

Leave A Comment