Universal Message

“fiato”

ora e per sempre,
l'Intercalare delle pause sofferte
chi ci riporta al luogo
dove perdemmo l'opinione dello specchio,
la solitudine del pozzo,
d'arcate e lune amare al cielo coperto
sorretto dalle dita alle appendici
in più frontali
segmenti del bioritmo delle palpebre
e tu sei l'iride,
distante come foglia scopata a mezz'aria,
controvoglia,
un moltiplicatore d'orizzonti,
questi ed il silenzio,
al sordo mutamento delle ossa,
spostarsi l'animo
oltre i contorni del frastuono,
dal mio tuonare
perché non ha questione forse il lampo
se non colpire,
illuminare il male, l'amore animale

ora è per sempre

K.K.

Bologna , 13 Giugno 2021

Scrivi un commento


Torna in cima