Bari, 20 Aprile 2019

Ferma la folle corsa oggi puoi farlo, è il momento di riflettere di stare un po' con se stessi per accogliere meglio gli altri, puoi regalarti un giorno di serenità, per sorridere ancora alla vita ... #InVoloSenzaRete ... il romanzo


Bari, 19 Aprile 2019

Mani che sfiorano pelle che stride nel tocco leggero, brividi impercettibili che si insinuano nei cuori riaccesi dall'emozione di una presenza ... #InVoloSenzaRete ... il romanzo


Pagani, 19 Aprile 2019

Frase del giorno


Napoli, 19 Aprile 2019

p er te che anche oggi sei tornata a casa con il sorriso spento; per te che c'hai sperato anche questa volta; per te che piangi e non lo dici: sii forte. sei come una scatola con scritto 'fragile', ma finisci sempre nelle mani di qualcuno che non fa caso a quella parola, a quei particolari quando tu ne sei piena. sei così eppure non capisci che la colpa non è…

Continua


Bari, 19 Aprile 2019

Abbiamo strade lunghe da percorrere, forse mai facili, incontreremo il dolore, vinceremo la stanchezza, ma scambieremo un sorriso trovando quelli come noi, che ci accompagneranno nel cammino della vita ... #InVoloSenzaRete ... il romanzo


Italy, 19 Aprile 2019

I o ci sarò Su di me potrai contare quando sarai così ubriaco, io ci sarò. Arriverò con un esercito di lancieri ad infilzare questa nebbia che non ti fa vedere e ti porterò con me sul carro del sole dove salgono solo i vincitori, coloro che ingannano la morte. Io ci sarò quando lei ti dirà che non ha più niente da darti, ti mostrerò i limoni che sono di…

Continua


Roma, 18 Aprile 2019

A camante e Fillide Secondo un’anticha leggenda, il mandorlo nacque da uno di quegli amori sfortunati che vedevano protagonisti eroi, uomini e dei. E i Greci, come sappiamo, sapevano come pochi cantare l’Amore… Sfogliando i vecchi testi di Mitologia, si può trovare la storia di Fillide e Acamante, una delle vicende amorose più commoventi e sfortunate che ci sia stata tramandata. Acamante era un eroe greco, figlio di Fedra e Teseo.…

Continua




Sono un semplice ragazzo di 21 anni. La vita è stata subito dura con me, costringendomi a combattere contro la morte, uscendone ferito. Ferite che hanno creato cicatrici che, come armature, mi hanno aiutato a lottare contro la crudeltà della vita. Scrivo di tutto perché è un modo per farmi conoscere, farci conoscere ma, soprattutto, farmi riconoscere come la persona che sono. Un semplice ragazzo di 21 anni


Bari, 18 Aprile 2019

Risplendono ancora i fiori della rivincita diademi che brillano nel pulviscolo delle stelle incuranti delle urla che stridono nel giorno si ammantano del silenzio che regala la sera per brillare ancora di luce di speranza ... #InVoloSenzaRete ... il romanzo