Roma, 10 Gennaio 2018

Dalla raccolta di poesie "La Libellula"


Ferrara, 09 Gennaio 2018

CARTOLINE D'ITALIA ...


Milano, 09 Gennaio 2018

Impero Romano, ADRIANO, 117-138 d.C., AUREO.


Cesena, 09 Gennaio 2018

M i persi nei tuoi occhi, color nocciola, specchio della mia anima, ferita e immersa in un dolore senza tempo e senza nome, tu allegra e spensierata, mi facevi compagnia sotto al firmamento, tra le campagne e il mare, e non eri interessata al dolore, bensì al mio cuore malato di un'amore per l'Infinito, inspiegabilmente definito nei tuoi occhi. Nick Barton

Continua




H o voluto mettere insieme riflessioni con immagini in questo mio settimo libro. Ho voluto con tutta me stessa dire "Sii felice.. Parlo ai cuori... Non per un attimo, ma per sempre. Abbiate fiducia, abbiate la tenacia di arrivare anche voi a queste pagine, a questa mia vita che non sa tacere, ma vuole arrivare a voi. Sollevate uno sguardo e allungate una mano e viviamo insieme questo percorso, io vi…

Continua


Palermo, 09 Gennaio 2018

Preferisco rimanere un bambino disperso nelle sue fantasie che diventare un adulto disprezzante di ogni cosa, che pensa solo a se stesso e che odia se stesso in ogni momento. 


Sicilia, 09 Gennaio 2018

Pagina fb L'amore che rimane


Bari, 09 Gennaio 2018

Mi sorprendo ancora, perso nell'osservare la sottile linea che si confonde, tra le immensità, respirando vita




M ichele Di Paola è nato a Milano il 28/11/1964. Dopo la nascita di sua figlia Federica, le emozioni dell'evento e la gioia di crescere la parte migliore di sé hanno alimentato la sua fiamma artistica. Prendono così corpo, dal 2012, le sue poesie per trasmettere ai lettori, attraverso gli occhi del cuore, le sue emozioni e le sue sensazioni. Ad ottobre 2017 pubblica la raccolta "I miei giorni. «zirraragarria»", tutte…

Continua


Palermo, 08 Gennaio 2018

N on farti una ramanzina ogni volta che commetti un errore, non restare attaccato ai tuoi errori, non lasciare ai tuoi errori spazio per comandare, saranno sempre lì presenti se non li lasci andare una volta commessi. Ogni tanto potranno ribussare alla tua porta, ma fai si che sia una visita momentanea, giusto per ricordarti il perché li hai cacciati e perché non li vuoi più rivedere.

Continua