Universal Message

"notturno"

Il buio che manipola i suoi cocktail,
certi boati,
le fogne ripudiate e poi sedotte,
direbbe un mai
maestro
glissando sulle piccole vetrine,
sui panni stolti,
le mezze verità dopo i cuscini
e un passo opposto,
sul porto
fottendo la prudenza ai comandanti,
con pochi astri,
spostati i contrappesi, le noie,
dei vincoli,
le vanità spese per strappo addosso ai vicoli,
così sicuro verso il nulla,
loquace come aroma sul fanciullo,
poi più serafico,
nell'oltre manica,
colando le speranze al mattutino.

K.K.

Bologna , 12 Settembre 2020

Scrivi un commento


Torna in cima