Universal Message

"castigo"

abito lo specchio, un volto fragile
vestito tristemente d'opinioni,
tesa una rotta, la svolta
all'apice d'un sonno incattivito,
si prenda il cosmo
dal fondo,
lo giudichi impotente un dio minuscolo,
distratto, sospeso dagli eventi, rivestito
e ignori l'incertezza della carne,
il grido
ma forse si nasconda divertito, maestro
come le malefatte di un bandito
e certo fosse il contrario, redento
cadrebbe da ogni trave il malcontento
mentre l'inverno scava,
ci strappa
i resti d'un piacere settembrino,
le stelle appassionate ai cieli rotti,
l'affetto per la terra all'albero cavo

K.K.

Bologna, 29 Ottobre 2020

Torna in cima