Napoli, 23 Marzo 2019

l'altra sera ho avuto un tuffo al cuore
quando in radio mi è capitato di ascoltare quella canzone che dicevi sempre di dedicarmi
e con la quale mi passavi a prendere,
mi sussurravi che il nome 'symphony' creava una perfetta sinfonia anche al tuo cuore
che non ti era mai accaduto,
perché dicevi di essere innamorato
e tanto cose le facevi per questo
perché un sentimento così grande non eri in grado di gestirlo
e io morivo ogni volta che mi guardavi negli occhi
che mi bastava guardarti da lontano per stare meglio,
di venirti a trovare a lavoro,
sapere dove ti trovassi e con chi stessi
e tutto si risolveva.
prima quella canzone non potevo ascoltarla,
troppi ricordi che mi annebbiavano la mente
erano in grado di portarmi lacrime agli occhi e tante domande a cui ancora non trovo una risposta corretta,
oggi ti dico che riesco ad ascoltarla,
ma in maniera passiva,
perché si, mi tornerai sempre in mente
con il ricordo di quando ti facevo aspettare sempre nel parcheggio di fronte casa per non farti vedere,
perché a mia madre non sei mai piaciuto - forse avrei dovuto ascoltarla di più quelle sere -
che quando arrivavo con mezz'ora di ritardo eri incazzato nero,
ma bastava un bacio per farti placare,
perché dovevi fare la parte per evitare che accadesse ogni sera,
perché eravamo diventati quasi un'unica cosa
io e te
e quando abbiamo smesso di essere insieme
ancora non l'ho capito.

Leave A Comment